L’Associazione Luigi Michel Marzulli  ha tra le sue finalità statutarie la promozione della più ampia diffusione dell’attività motoria e della pratica sportiva, quali fattori rilevanti per accompagnare la crescita dei giovani, per favorire l’inclusione e l’integrazione sociale e per migliorare la qualità della vita dei cittadini.

L’Associazione Luigi Michele Marzulli, attraverso iniziative come i “ Memorial Luigi Michele Marzulli”, ha inteso promuovere tra i giovani modelli estetici positivi (Atleti Ambasciatori dell’associazione) quali strumenti di prevenzione dei disturbi del comportamento alimentare. Secondo i dati esistenti, lo stile di vita di ampie fasce della popolazione, e in particolare dei giovani, è caratterizzato da un’insufficiente attività fisica e da un’alimentazione non equilibrata, difforme sia dalle raccomandazioni internazionali, sia dalle linee guida nazionali. L’Associazione in un ottica di perseguimento delle proprie finalità ritiene necessario attivarsi attraverso azioni volte a dare attuazione, in collaborazione con gli Enti territoriali e con gli altri soggetti interessati, al programma “InFormaTi per la Vita”, al fine di favorire un cambiamento negli stili di vita della popolazione e, in particolare, promuovere la più ampia diffusione dell’attività motoria e della pratica sportiva e prevenire i disturbi del comportamento alimentare. In particolare l’Associazione, grazie al sostegno ed al contributo di Aziende e sostenitori privati,  attraverso il programma InFormaTi per la Vita definirà e svilupperà iniziative congiunte volte a promuovere comportamenti salutari.
In particolare si impegnano a:

  1. promuovere iniziative di informazione e di comunicazione, volte a sensibilizzare la popolazione, e in particolare i giovani, sulla rilevanza di uno stile di vita attivo, quale efficace strumento per la prevenzione dei rischi per la salute;
  2. rafforzare la funzione educativa e sociale dello sport, quale efficace strumento per l’azione di contrasto alla devianza giovanile e di integrazione dei soggetti in condizioni di disagio o marginalità sociale;
  3. favorire la diffusione e migliorare la qualità dell’attività motoria, anche a livello amatoriale, attraverso azioni concordate con i professionisti della salute, miranti all’orientamento nell’attività fisica ed alla prevenzione dei rischi, nonché attraverso l’individuazione di azioni, anche a carattere sperimentale, per la verifica periodica delle condizioni di salute necessarie per l’esercizio in sicurezza dell’attività motoria;
  4. incentivare l’attività fisica dei diversamente abili, promuovendo iniziative di formazione, informazione e di comunicazione, favorendo la diffusione delle tecniche di riabilitazione basate sull’attività sportiva e rendendo accessibili ai portatori di disabilità fisica le strutture dedicate all’attività motoria e allo sport;
  5. incentivare l’attività fisica delle persone portatrici di patologie come l’obesità, quale strumento di prevenzione di alcune forme di disagio psichico e quale strumento terapeutico-riabilitativo;
  6. promuovere iniziative di informazione e di comunicazione volte a favorire un rapporto equilibrato con l’immagine corporea, tenuto conto delle implicazioni che la comunità scientifica ascrive ai fattori socio-culturali nell’insorgenza e nella diffusione, in particolare tra i giovani, dei disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, obesità psicogena e altri disordini alimentari);
  7. promuovere iniziative di informazione e di comunicazione rivolte ad ulteriori ambiti di disagio giovanile caratterizzati da comportamenti di dipendenza, come quelli connessi all’abuso di bevande alcoliche e quelli collegati ai rischi del “doping involontario” dovuto all’uso di integratori alimentari;
  8. favorire la condivisione di conoscenze ed esperienze a livello locale, regionale, nazionale ed europeo, al fine di promuovere la diffusione delle buone prassi;
  9. favorire a livello regionale la costituzione di una rete integrata di referenti del settore sanitario e dello sport, per sviluppare una programmazione congiunta e la diffusione delle buone prassi;

EQ Lab

Laboratorio di Intelligenza Emotiva!